Close
Roma
In comunione… con la Parola!

di Suor Maria Agata Szymkowiak 

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli questa parabola: <<Avverrà come a un uomo che, partendo per un viaggio, chiamò i suoi servi e consegnò loro i suoi beni. A uno diede cinque talenti, a un altro due, a un altro uno, secondo le capacità di ciascuno; poi partì. Subito colui che aveva ricevuto cinque talenti andò a impiegarli, e ne guadagnò altri cinque […] Dopo molto tempo il padrone di quei servi tornò e volle regolare i conti con loro. Si presentò colui che aveva ricevuto cinque talenti e ne portò altri cinque, dicendo: “Signore, mi hai consegnato cinque talenti; ecco, ne ho guadagnati altri cinque”. “Bene, servo buono e fedele – gli disse il suo padrone –, sei stato fedele nel poco, ti darò potere su molto; prendi parte alla gioia del tuo padrone>>.

(Mt 25,16.19 – 21)

O Parola D’Amore
contemplo la Tua bontà
e la Tua saggezza nel dispensare i Tuoi doni
secondo le nostre capacità.
Tu, che ci scruti
e ci conosci,
Ti fidi di noi
come nessun altro sa fare.
Ci chiami ad impiegare i Tuoi doni, subito e al massimo.
Ci fai comprendere che attendi da ciascuno di noi
e Ti compiaci
in quella disponibilità
e in quell’accoglienza che fanno di noi
Tuoi collaboratori
entusiasti e fecondi,
gioiosi e aperti
alle Tue sorprese.

O Parola D’Amore
sostenuta dalla Tua Luce
rinnovo oggi
il mio “eccomi”
guardando e imitando
Maria Santissima che
“si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa” dalla cugina Elisabetta
per aiutarla.

O Spirito Santo,
Eterno Amore,
vieni, infiamma
i nostri cuori!
Concedi a noi
i Tuoi Santi Doni
“perché anche noi,
grazie allo spirito
che animò Sant’Agostino,
assetati della vera sapienza,
non ci stanchiamo
di cercare Te,
fonte viva
dell’eterno amore”. 

…prego il Signore che dia a Voi bontà e cuore grande, alle nostre suore capacità e volontà fattiva tale da rendere utile l’opera loro alla vostra Opera di bene,
che avete vista superare e gareggiare con le altre,
per esservi dedicato ad essa con intelligente e solerte attività”.

(Serva di Dio Giuseppina Arcucci, 18.12.1939)