Close
Roma
Una visita inattesa e benedetta!

di Suor Maria Agata Szymkowiak 

Il 7 ottobre 2021, giorno della memoria della Beata Vergine Maria di Pompei, venne affidato al suo patrocinio materno – sull’esempio della Serva di Dio Giuseppina Arcucci che tanto ricorreva a Lei in ogni circostanza – l’invio della lettera che la Rev.ma Madre Maria Paola Masuccio, superiora generale della Congregazione, indirizzò a S. E. Rev.ma mons. Taddeo Lityński, vescovo polacco, ordinario della diocesi Zielona Góra – Gorzów.

Nel porre l’indirizzo sulla busta risultò necessario consultare la pagina web della diocesi ed ecco la sorpresa a motivo della bella notizia posta in primo piano: mons. Taddeo dall’11 al 19 ottobre sarebbe venuto a Roma per la Visita ad limina! Da subito si è pensato di trovare un’occasione di incontro in modo da poter consegnare personalmente la lettera. La Provvidenza, dall’occhio vigile e amorevole, coordinò il tutto per il 18 ottobre presso la comunità di Roma, all’ora di pranzo.

Poco dopo mezzogiorno mons. Taddeo, in compagnia di don Pietro Bartoszek, incontrò Madre Maria Paola, che per l’occasione venne a Roma da Pescina. L’incontro fu davvero cordiale e fraterno, ricco di speranze e segnato da una bellissima gioia nello Spirito che ci pervase tutti, soprattutto durante il pranzo. Gloria grande ed immensa allo Spirito Santo! L’immagine del Divin Paraclito, incisa nel quadro che ci contraddistingue, nostro tesoro e dono di mons. Andrea D’Agostino dal lontano 1896, è stata pensata come regalo a mons. Taddeo per ricordare l’incontro.

Resterà indimenticabile l’allegria creatasi, l’accoglienza che fin da subito divenne vicendevole, ma anche lo stupore nel constatare che sul retro dell’immagine regalata vi è incisa l’invocazione allo Spirito Santo di mons. Pasquale Venezia, vescovo di Ariano Irpino dal 1951 al 1967, con riportata la data del 18 ottobre di settant’anni fa. Le “Dio – incidenze” ci accarezzano e ci dicono che Dio muove gli eventi sempre per il nostro bene!

Siano Dio, Padre, Figlio e Spirito Santo a guidare ogni passo verso la presenza della Congregazione nella terra polacca, per portarvi la bellezza del nostro carisma e invocare con quella porzione di popolo il dono della Pentecoste perenne su tutta la Chiesa, secondo l’incoraggiamento del nostro amato San Giovanni Paolo II che 40 anni fa così lo invocava dalla sua terra natia, con grande fede e convinzione: Emitte Spíritum tuum, et creabúntur, et renovábis faciem terræ!